Events Calendar

Previous month Previous day Next day Next month
See by month Jump to month

LUCA 12,4-7

Tuesday 18 August 2020by  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. Hits : 58

Il Signore Gesù disse: «Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui. Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!».

Nella lotta all'ipocrisia che porterà anche i discepoli, non solo il maestro, a far fermentare la parola di Dio e a renderla cibo per la vita delle persone in giro per il mondo, si correranno rischi paurosi. Da qui l'invito di Gesù a non avere paura.

È un invito fatto ai discepoli che qui vengono chiamati amici, termine che Luca usa in circostanze particolari e che in genere denota una complicità dovuta alla compattezza verso un progetto comune o nella ricerca del bene vicendevole. Appunto, a questi amici Gesù svela quello che permette pure a lui di non avere paura: l'ascolto della parola di Dio e l'aggrapparsi ad essa con fedeltà e fiducia.

In relazione a questo indica due livelli di vita: uno semplicemente fisico dove il corpo può essere ucciso e un altro più spirituale dove si possono fare i conti con qualcosa di ulteriormente distruttivo. Ma non c'è nessuno che uccida e poi abbia il potere di gettare nella Geenna se Dio è uno che non dimentica neppure i passeri.

Ovvio che qui non è in gioco la paura dell'inferno e quindi l'invito a comportarsi in un certo modo altrimenti... qui Gesù dice che si può vivere senza paure rispetto al proprio destino, si può vivere senza avere paura della morte.

Quindi il cristiano è uno che oltre a non far paura a nessuno (gli agnelli tra i lupi del vangelo di domenica scorsa) è uno che non ha paura di niente. Non perché è stupido o si è fatto qualche strana sostanza, ma perché sa che Dio lo tiene per mano sempre, a volte pure in braccio o in spalla.

Location : milano
Contact : Don Aurelio
LUCA 12,4-7

Back

JEvents v2.2.8   Copyright © 2006-2012